Consumare prodotti biologici è sano ed ecosostenibile

Il “Rapporto Bio Bank 2020” (la banca dati del bio) ha evidenziato la continua crescita del mercato del biologico, il quale continua a registrare un fatturato di 6,9 miliardi, con un aumento, rispetto all’anno 2011, del +118%.

I fondatori dell’annuario del biologico Rosa Maria Bertino, Achille Mingozzi ed Emanuele Mingozzi, mettono in evidenza la particolarità dell’anno appena trascorso, fortemente collegato alla situazione pandemica globale innescata dal Covid-19: «Il mondo come una giostra impazzita: prima correva troppo veloce e volevamo solo scendere, ora continua a fermarsi e vorremmo solo ripartire. Il problema è “come” ripartire e soprattutto per andare “dove”. Intanto la vita continua, ma nulla è come prima, né lo sarà dopo» specificano. «La pandemia ha amplificato la coscienza della nostra vulnerabilità. Ci ha insegnato che tutto può cambiare in un istante, scatenando l’effetto domino sull’intero Pianeta. E che la nostra salute è legata a doppio filo a quella della Terra. La transizione ecologica verso la piena sostenibilità non è più rinviabile. Anche per questo il biologico continua e continuerà a crescere».

Il biologico ha acquisito un ruolo d’importanza fondamentale, confermando la sua presenza perenne all’interno dell’agenda degli impegni dell’Unione Europea. Gli obiettivi riguardano, ovviamente e soprattutto, il dimezzamento dell’impiego di pesticidi, la drastica riduzione dei fertilizzanti chimici e la triplicazione delle superfici dedicate alle coltivazioni bio, passando da un attuale 8% a un 25% entro il 2030.

I dati appena esposti sono sicuramente a favore di un mondo più incentrato sul biologico. Il metodo di un’agricoltura basata su specifici passaggi e tecniche di coltivazione può sicuramente essere definito, se non totalmente per la maggior parte, ecosostenibile.

Vediamo insieme quali sono i vantaggi che derivano dalla consumazione di cibo biologico e quali sono gli elementi distintivi della visione più ampia dell’ecosostenibilità.

Mangiare biologico aiuta l’ambiente e migliora la salute

I reali benefici che derivano dalla scelta di assumere cibo biologico riguardano principalmente due aspetti: l’ambiente e la salute.

Innanzitutto, possiamo affermare con certezza che le coltivazioni biologiche aiutano a ridurre drasticamente le emissioni di gas serra nell’atmosfera, tenendo conto soprattutto che circa un terzo di queste deriva dal settore agricolo e dalla produzione alimentare.

Da un punto di vista nutrizionale, il cibo biologico presenta valori nutrizionale maggiormente completi rispetto a quello proveniente dall’agricoltura intensiva. Inoltre, è perfetto per coloro che presentano intolleranze alimentari o allergie.

Infine, un dato da non sottovalutare è la salvaguardia della biodiversità. Le fattorie che utilizzano un concetto biologico in ogni passaggio, dalla coltivazione alla produzione, possono vantare una biodiversità unica. Dipende tutto dall’assenza di pesticidi, copiosamente utilizzati nell’agricoltura tradizionale.

Biologico ed ecosostenibile: un po’ di chiarezza

Possiamo dire che ogni prodotto biologico è anche completamente sostenibile? Partiamo con il fare un po’ di chiarezza in merito alla semplice definizione dei due termini.

Per agricoltura sostenibile intendiamo un concetto molto ampio, che abbraccia la filiera agroalimentare nel suo complesso. Si tratta di una realtà produttiva rispettosa delle risorse naturali coinvolte e dei tempi della natura. Da un punto di vista dell’equità, l’agricoltura sostenibile punta a contrastare lo sfruttamento di bambini, donne e popolazioni indigene. Inoltre, un’azienda che si definisce tale deve necessariamente ricavare energia elettrica da fonti rinnovabili e minimizzare gli sprechi.

L’agricoltura biologica è un metodo di produzione e lavorazione che utilizza esclusivamente sostanze naturali e non chimiche. È vietato, pertanto, l’impiego di OGM; terreni e bestiame devono essere nutriti con soluzioni naturale e autorizzati dalle autorità competenti.

Evidenziate le principali caratteristiche, è possibile affermare che un alimento biologico deve necessariamente condividere gli elementi che rientrano nel concetto esteso di sostenibile.

Spazio al futuro sostenibile con il Bio Vending

I distributori automatici che erogano alimenti biologici sono caratterizzati dalla presenza di prodotti che seguono una filiera controllata e certificata. Se pensiamo all’offerta classica della distribuzione automatica, il fenomeno del Bio Vending rappresenta una vera e propria rivoluzione rispetto al concetto di junk food.

Scegliendo di consumare biologico si avrà la certezza di evitare la presenza di pesticidi, diserbanti o concimi di natura chimica e di aver fatto un notevole passo in avanti nella salvaguardia della sostenibilità ambientale e di tutte le risorse naturali impiegate nel processo di produzione.

Dorando Service Srl propone un’ampia scelta di snack 100% biologici e certificati secondo gli standard europei vigenti. Operiamo attivamente nelle province di Modena e Reggio Emilia.

Macchinette-snack-bio-vendind-modena
Il-bio-vending-a-reggio-emilia